CARAIBI A BASSO PREZZO

Con questo articolo andrò a raccontare come ho fatto a partire per i Caraibi a basso prezzo e ti darò alcuni consigli utili che potrai sfruttare.

Qualcosa di incredibile, anche ai miei occhi quando ho fatto un po’ il conto di quanto avrei speso per il mio viaggio ai Caraibi.
Eppure fattibile, te lo garantisco e adesso te lo dimostro.

Caraibi a basso prezzo

L’inizio del sogno ai Caraibi

Tutto è iniziato una sera di Marzo.

Eravamo a cena e stavamo spulciando Skyscanner.

Ecco che appare un fantastico volo per la Grande Mela a soli 400€ (comprensivo di 2 bagagli, di cui uno in stiva e vitto in volo), con partenza da Firenze.

Inoltre, le date del volo erano per Novembre, dal 18 al 30, questo significava che a New York saremo riusciti ad assistere al giorno del ringraziamento (Thanksgiving) e al Black Friday.

Senza esitare, abbiamo acquistato i biglietti.
Estasiati dal nostro acquisto, sono passati mesi in cui, metabolizzando la cosa, abbiamo fantasticato su come poter sfruttare al meglio quelle 2 settimane negli States.

Solo per New York ci sembravano troppe, così abbiamo provato a pianificare un road trip, e quello più papabile ci sembrava sulla costa est, toccando città come, Washington, Philadelphia, Atlantic City, Boston e Lancaster, in Pennsylvania e infine, conoscere una comunità Amish.

Ci siamo adagiati su questo itinerario, informandoci a fondo su come noleggiare la macchina, tutte le necessità a riguardo e anche sugli alloggi, ma in fondo e con il senno di poi, non eravamo davvero presi da tutto questo, così, una domenica, per caso e scherzando, siamo tornati su Skyscanner, ed abbiamo iniziato a cercare voli che partissero dall’aeroporto JFK di New York.

Caraibi a basso prezzo, ecco i miei consigli utili

L’istinto ci ha portati in California, e il nostro stupore è esploso quando, abbiamo scoperto che alla fine i prezzi erano davvero economici.

Così, proprio in quella domenica pomeriggio, avevamo già stravolto l’intero itinerario di quella che sarebbe stata la nostra prima settimana.

Abbiamo scelto quindi, San Francisco, Las Vegas, San Diego, facendo la traversata della frontiera con il Messico a piedi e zaino in spalla, e poi ancora, Los Angeles, San Francisco, Las Vegas e così via.

Poi, sempre scherzando, abbiamo puntato alto e ridendo, ci siamo divertiti a cercare voli improbabili per mete che pensavamo improponibili.

Il primo volo cercato dal JFK è stato per Santo Domingo e…

La rivelazione.

Abbiamo scoperto che con circa 200€ a testa saremmo potuti volare ai Caraibi.

Stop alle risate.

Ticchettando sulla tastiera dei nostri cellulari abbiamo continuato a cercare, e, famelici, a quel punto, abbiamo davvero battuto tutta la zona del centro America, cercando quindi mete caraibiche come Cuba, Giamaica, Bahamas, Aruba, Antigua ed infine Turks and Caicos.

Turks and Caicos è stata la nostra scelta per vivere i Caraibi a basso prezzo

E’ proprio su Turks and Caicos che ci siamo fermati.

Personalmente non conoscevo molto questo arcipelago dei Caraibi, lessi qualcosa tempo fa e le parole usate erano davvero importanti, sotto più punti di vista.

Un vero e proprio paradiso caraibico da sogno, in tutti i sensi.

Le spiagge bianchissime, tra le più belle a livello mondiale, lambite da acque cristalline popolate dalla terza barriera corallina più importante al mondo.

Sapevo che i prezzi per gli alloggi erano altissimi e che era meta soprattutto per grandi viaggi di nozze o matrimoni da sogno.

Ma proprio su quello schermo, tutto quello che fino ad allora avevo letto su Turks and Caicos si era volatilizzato, come una bolla di sapone.

I nostri volti erano meravigliati nel vedere il prezzo del volo per Providenciales, una delle isole dell’arcipelago, madre della spiaggia che nel 2018 è stata considerata la più bella al mondo, Grace Bay.

Il nostro volo per vivere i Caraibi a basso prezzo ormai era nostro e con 200 dollari a testa ci siamo accaparrati un a/r per il nostro sogno caraibico.

Providenciales, la nostra meta caraibica a basso prezzo

Ci siamo informati meglio sul sito dell’ente del turismo di Turks and Caicos ed abbiamo scoperto che avremmo fatto davvero un affare, perché forse non ci saremmo mai potuti andare in un luogo così considerati soprattutto gli standard di prezzo e forse era la volta buona per cogliere la palla al balzo.

Ma la vera sfida, e ciò che ci ha fatto abbandonare l’idea per alcuni istanti, sono stati gli alloggi.

Apparentemente, cercando online, pensavamo che non ce la saremmo cavata con poco ma l’idea di optare per un appartamento è stata davvero vincente e quella che poi ci ha fatto tornare a sognare.

Grazie a Booking.com, siamo riusciti a trovare un appartamento davvero niente male (eccolo qui), sul mare, con la piscina e l’idromassaggio e soprattutto a soli 200 dollari a testa per 7 notti.

Abbiamo così realizzato che la nostra missione di vivere il nostro sogno ai Caraibi a basso prezzo si sarebbe davvero avverata.

Organizzazione del viaggio

Che dire, il nostro entusiasmo era alle stelle e fino a che non abbiamo messo piede in terra caraibica non eravamo del tutto sicuri di ciò che avevamo fatto.

Quella domenica eravamo esausti, siamo stati fino a tarda notte a cercare opzioni che fossero a basso prezzo.

L’organizzazione non è stata semplice, credo di aver consumato lo schermo del telefono e la tastiera del mio povero computer per incastrare tutte le opzioni e cercare di bloccare la tariffa più vantaggiosa.

Ma a me piace così, mi piace da impazzire.

Mi piace costruirmi e cucirmi tutto l’itinerario e il viaggio a mia immagine e somiglianza e queste “imprese” di organizzare viaggi a basso prezzo mi gasano davvero tanto.

Soltanto con l’organizzazione sembrava di averlo in parte vissuto sulla propria pelle e in questo modo lo abbiamo davvero reso più nostro possibile e tutto questo ci ha regalato davvero tanta soddisfazione.

Questa impresa, devo dire, è stata la più ardua anche perché si parla di una destinazione che non si presta molto ad un viaggio low-budget però adesso posso dire di avercela fatta ma soprattutto, sono felice di essere qui e averti raccontato la mia esperienza dalla quale potrai ricavare davvero alcuni consigli utili.

Spero di aver, nel mio piccolo, sfatato il mito che i Caraibi sono per forza meta costosa.

Alcuni consigli utili

Con pochi compromessi ed una buona ricerca sul volo e sull’alloggio il sogno dei Caraibi è davvero alla portata di tutti.

Una volta acquistato volo e prenotato l’alloggio (ti consiglio di optare per un appartamento), il mio suggerimento è quello di prenotare l’auto, per girare l’isola in libertà e senza vincoli.

Opta per spiagge libere e per quanto riguarda i pasti fai come noi, ci siamo trovati davvero bene.

Facevamo colazione in appartamento con le cose acquistate al supermercato, pranzo al sacco in una delle tante spiagge che giravamo durante la settimana e cena al ristorante.

Scegliere un appartamento piuttosto che un resort è vantaggioso perché oltre ad essere più economico, garantisce anche molta più libertà in termini di orario.

Per quanto riguarda i comforts, non ti preoccupare, a Providenciales, l’appartamento che avevamo scelto, ci dava la possibilità di accedere gratuitamente alla piscina e all’idromassaggio “condominiale”, inoltre aveva una splendida terrazza vista mare, davvero niente male direi.

La scelta dell’appartamento inoltre ti fa entrare a contatto maggiormente con la popolazione locale perché in qualche modo, con questa opzione, per le commissioni quotidiane, inevitabilmente entri a contatto costantemente con i commercianti locali e frequenti luoghi abitudinali dei locals.


L’obiettivo mio e del Kili (per scoprire chi è, guarda un po’ qui) è girare il mondo e la nostra filosofia mira a rendere le nostre avventure, quanto più possibile, a basso prezzo.

Solo un ultimo suggerimento, ricordati, se ti organizzi il viaggio da solo ai Caraibi, che è necessario stipulare un’assicurazione di viaggio.

Ti consiglio di optare per Chapka, io da viaggiatrice e per tutti i miei viaggi mi sono sempre trovata bene.

Di seguito, ti lascio un bottone che puoi cliccare per leggere e avere maggiori informazioni.

Adesso ti saluto ma, per qualsiasi altra informazione più dettagliata, domande o consigli, scrivimi, sarò felice di risponderti e parlare con te!

Enne

Questo articolo contiene link affiliati

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Caraibi

Lascia un commento